“Un albero per ogni centenario”: è il disegno di legge presentato pochi giorni fa dal senatore Antonio De Poli a Palazzo Madama. L’iniziativa nasce in occasione dell’evento «Il più grande raduno dei centenari» promosso dalla Fondazione Opera Immacolata Concezione (Oic) onlus, che si terrà a Padova il prossimo 4 maggio.

“Un albero per ogni centenario”: la proposta di legge

Cosa prevede la proposta di legge “Un albero per ogni centenario” sottoposta prima all’attenzione del Parlamento e illustrata in Senato nei giorni scorsi?

Si tratta di una proposta che tende a coniugare diverse serie di obiettivi: valorizzare le persone anziane, i grandi anziani, rigenerare le città attraverso interventi di ampliamento e gestione degli spazi verdi.

L’iniziativa favorisce l’incontro di obiettivi di portata intergenerazionale e si concretizza in incentivi per le Amministrazioni che metteranno a dimora un albero per ogni residente centenario.

Come nasce l’iniziativa

Il senatore De Poli ha portato all’attenzione del Senato le varie iniziative, affiancato da una delegazione veneta proveniente dalla città di Padova composta da Fabio Toso, direttore generale della Fondazione Oic Onlus, il Consigliere Provinciale Vincenzo Gottardo, Anci Veneto (Associazione regionale dei comuni del Veneto) rappresentata da Eric Pasqualon, sindaco di Carmignano e Franco Massi, presidente di Uneba (Unione Nazionale Enti di Beneficenza e Assistenza).

«“Un albero per ogni centenario” è una proposta senza colori ma piena di valori», ha sottolineato De Poli «che ha doppia valenza: green, per l’attenzione all’ambiente, e sociale, in quanto loro sono i testimoni viventi del passato».

E Fabio Toso ha espresso la propria «…soddisfazione per la doppia iniziativa. Da sempre il nostro motto è “la longevità come risorsa” e i centenari ne sono la massima espressione, rappresentando un inestimabile patrimonio. La calorosa adesione alla sfida del Club Over 100 da parte delle amministrazioni locali venete dimostra come sia stato compreso il valore simbolico dell’evento. Auspichiamo che ogni centenario sia accompagnato alla festa non solo dai familiari, ma anche dal suo sindaco per testimoniare come l’alta qualità di vita nei loro Comuni favorisca un’esistenza lunga».

La longevità come risorsa: i centenari nel Veneto e in Italia

La Fondazione Oic ha 13 residenze nel Veneto e una in Friuli a Gorizia e l’iniziativa che promuove, «Il più grande raduno dei centenari», ha visto una grande partecipazione. Al raduno hanno infatti aderito 163 Comuni del Veneto, Venezia città metropolitana, le provincie di Padova, Belluno, Verona e Vicenza, oltre ad aver ottenuto 61 patrocini.

Ma quanti sono, ad oggi, i centenari nella regione del Veneto e in Italia?

Sono 1570 gli anziani over 100 censiti nei 563 Comuni della regione Veneto. Con un rapporto che conferma il dato nazionale: un terzo della popolazione ha infatti più di 75 anni. Parlando di numeri: in Italia si contano 7 milioni di over 65; gli over 80 sono 2,8 milioni; i centenari sono 20mila, un numero triplicato da inizio millennio.

Saper prendersi cura

A Padova è quasi tutto pronto per la manifestazione che si terrà nel complesso Civitas Vitae di via Toblino. L’iniziativa è organizzata dal Club Over 100 ed è sostenuta dalla fondazione Opera Immacolata Concezione onlus.

Un evento che conferma come le amministrazioni siano orgogliose dei loro centenari, unite nella consapevolezza che, come sottolinea Fabio Toso, «La cifra di una società si vede da come si prende cura dei più fragili. L’Opera Immacolata Concezione nasce proprio per questo».

«Un albero per ogni centenario»: il video della proposta in Senato

un albero per ogni centenario

About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.

HOMES

“Un albero per ogni centenario”: è il disegno di legge presentato pochi giorni fa dal senatore Antonio De Poli a Palazzo Madama. L’iniziativa nasce in occasione dell’evento «Il più grande raduno dei centenari» promosso dalla Fondazione Opera Immacolata Concezione (Oic) onlus, che si terrà a Padova il prossimo 4 maggio.

“Un albero per ogni centenario”: la proposta di legge

Cosa prevede la proposta di legge “Un albero per ogni centenario” sottoposta prima all’attenzione del Parlamento e illustrata in Senato nei giorni scorsi?

Si tratta di una proposta che tende a coniugare diverse serie di obiettivi: valorizzare le persone anziane, i grandi anziani, rigenerare le città attraverso interventi di ampliamento e gestione degli spazi verdi.

L’iniziativa favorisce l’incontro di obiettivi di portata intergenerazionale e si concretizza in incentivi per le Amministrazioni che metteranno a dimora un albero per ogni residente centenario.

Come nasce l’iniziativa

Il senatore De Poli ha portato all’attenzione del Senato le varie iniziative, affiancato da una delegazione veneta proveniente dalla città di Padova composta da Fabio Toso, direttore generale della Fondazione Oic Onlus, il Consigliere Provinciale Vincenzo Gottardo, Anci Veneto (Associazione regionale dei comuni del Veneto) rappresentata da Eric Pasqualon, sindaco di Carmignano e Franco Massi, presidente di Uneba (Unione Nazionale Enti di Beneficenza e Assistenza).

«“Un albero per ogni centenario” è una proposta senza colori ma piena di valori», ha sottolineato De Poli «che ha doppia valenza: green, per l’attenzione all’ambiente, e sociale, in quanto loro sono i testimoni viventi del passato».

E Fabio Toso ha espresso la propria «…soddisfazione per la doppia iniziativa. Da sempre il nostro motto è “la longevità come risorsa” e i centenari ne sono la massima espressione, rappresentando un inestimabile patrimonio. La calorosa adesione alla sfida del Club Over 100 da parte delle amministrazioni locali venete dimostra come sia stato compreso il valore simbolico dell’evento. Auspichiamo che ogni centenario sia accompagnato alla festa non solo dai familiari, ma anche dal suo sindaco per testimoniare come l’alta qualità di vita nei loro Comuni favorisca un’esistenza lunga».

La longevità come risorsa: i centenari nel Veneto e in Italia

La Fondazione Oic ha 13 residenze nel Veneto e una in Friuli a Gorizia e l’iniziativa che promuove, «Il più grande raduno dei centenari», ha visto una grande partecipazione. Al raduno hanno infatti aderito 163 Comuni del Veneto, Venezia città metropolitana, le provincie di Padova, Belluno, Verona e Vicenza, oltre ad aver ottenuto 61 patrocini.

Ma quanti sono, ad oggi, i centenari nella regione del Veneto e in Italia?

Sono 1570 gli anziani over 100 censiti nei 563 Comuni della regione Veneto. Con un rapporto che conferma il dato nazionale: un terzo della popolazione ha infatti più di 75 anni. Parlando di numeri: in Italia si contano 7 milioni di over 65; gli over 80 sono 2,8 milioni; i centenari sono 20mila, un numero triplicato da inizio millennio.

Saper prendersi cura

A Padova è quasi tutto pronto per la manifestazione che si terrà nel complesso Civitas Vitae di via Toblino. L’iniziativa è organizzata dal Club Over 100 ed è sostenuta dalla fondazione Opera Immacolata Concezione onlus.

Un evento che conferma come le amministrazioni siano orgogliose dei loro centenari, unite nella consapevolezza che, come sottolinea Fabio Toso, «La cifra di una società si vede da come si prende cura dei più fragili. L’Opera Immacolata Concezione nasce proprio per questo».

«Un albero per ogni centenario»: il video della proposta in Senato

un albero per ogni centenario

About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.

HOMES