Indice degli argomenti

Il ruolo dell’educatore professionale con l’anziano è soggetto a molteplici definizioni erronee. Di seguito una riflessione per fare chiarezza.

A cura di Valentina Busato e Chiara Cecchinato (psicologhe e formatrici).

Molteplici sono state e sono tutt’ora le definizioni erronee riguardanti il ruolo dell’Educatore Professionale con l’anziano. Un aspetto è infatti ben chiaro: c’è un’enorme confusione circa il ruolo che questo professionista può ricoprire.

Sebbene sia sempre presente una grande necessità di chiarezza circa il suo ruolo e le sue mansioni, ad oggi, la maggior competenza attribuita a questo professionista è quella di “riattivatore”, inteso come colui che è impegnato a stimolare, riattivare il potenziale residuo delle persone con le quali opera.

HOMES

Inoltre, se consideriamo più nel dettaglio il lavoro dell’educatore professionale in ambito geriatrico, possiamo comprendere e scoprire il suo ruolo più importante: promuovere un invecchiamento attivo e di successo. Dell’invecchiamento attivo e delle nuove abilità che l’anziano può ancora sviluppare, abbiamo già scritto qui su CURA (se ti interessa approfondire leggi l’articolo delle dottoresse Busato e Cecchinato: “Per un invecchiamento attivo e di successo”).

In questa sede, invece, approfondiamo gli interventi che l’educatore professionale ha a sua disposizione per promuoverlo.

Area cognitiva

  • Stimolazione mnesica, con schede cartacee, tratte dai nostri libri (“Guida Pratica per la stimolazione cognitiva, affettiva, relazionale delle persone anziane istituzionalizzate”, ed. Cleup,) e con mnemotecniche.
  • Stimolazione cognitiva Cybertherapy: cd con training cognitivi computerizzati.

Area affettiva-relazionale

  • Gruppo di auto mutuo aiuto: riflessione e scambio di opinioni riguardanti un dato problema (l’essere vecchi, le perdite psico-fisiche, …), cercando strategie per risolverlo assieme agli operatori (tratto dal nostro libro “Il Gruppo di Auto Mutuo Aiuto in anziani istituzionalizzati” ed. Cleup)
  • Progetto emozioni: attività di gruppo che mira ad innalzare il tono dell’umore, attraverso la quale si imparano a riconoscere, esprimere e gestire le proprie emozioni e a individuare quelle altrui.
  • Progetto reminiscenza: condivisione strutturata del racconto della propria storia di vita, soffermandosi anche sui sentimenti e le emozioni che emergono da questi preziosi ricordi. Con questa attività si lavora non solo sul tono dell’umore, ma anche sulla memoria autobiografica, recuperandone i ricordi e la loro valenza affettiva.Nello svolgimento dell’attività viene utilizzato anche materiale visivo (foto, brevi filmati,…), olfattivo (lavanda, sapone di Marsiglia, salvia,…) o uditivo (canzoni di un tempo) (tratto dal nostro libro “Reminiscenza: come ricordare la memoria. Stimolare la memoria degli anziani con le storie di vita.” Cleup).
  • Attività di rimotivazione: introduzione ed utilizzo di temi di attualità, articoli di giornale o riviste, brani di letteratura o poesie al fine di aumentare l’autostima e migliorare la socializzazione, spronando gli anziani a relazionarsi gli uni con gli altri, parlando e discutendo delle tematiche in oggetto.

Area motoria

  • Longevity training (strumento innovativo tratto dal nostro libro“Longevity Training: un trattamento psico-motorio rivolto ad anziani istituzionalizzati e non” ed. Cleup): gli anziani vengono stimolati a fare degli esercizi psico-motori di gruppo, su base sonora, avvalendosi dell’aromo-cromo-terapia, attraverso tecniche di rilassamento, riattivazione, visualizzazione guidata e training autogeno.
  • Ginnastica dolce/stretching: movimenti semplici e a bassa intensità realizzati in posizione eretta o da seduti (a seconda dell’utenza del centro).
  • Laboratorio di ballo: adattamento dell’attività di ballo alle capacità degli anziani del centro attraverso movimenti di coordinazione e controllo muscolare (in piedi o seduti) su base musicale.
  • Training motori di gruppo o individuali: adattamento e semplificazione di sport come pallavolo, badminton, basket, bocce, bowling, calcio e freccette, mediante l’utilizzo di materiale semplice e facilmente reperibile nella quotidianità. Delle attività che possono essere proposte anche a squadre, per stimolare la competizione, oltre che la sfera ludico-ricreativa.

Area personale

  • Cura del sé: intervento utile all’incremento del benessere e del tono dell’umore, in cui vengono spazzolati ed acconciati i capelli e curate le unghie delle mani (smalto e massaggio mani con crema).
  • Cura dell’ambiente circostante: coinvolgimento dell’anziano nelle diverse attività della struttura al fine di far nascere o mantenere la sensazione di essere ancora utile e abile nella vita quotidiana (spostamento, riordino o posizionamento del materiale con l’affiancamento dell’operatore).

Area manuale

  • Trattamento innovativo M.I.M.A. (Metodo ad Ispirazione Montessoriana per l’Anziano) tratto dal nostro libro “E ora che faccio? Attività da svolgere con l’anziano in RSA o a domicilio” ed. Dapero: applicazione all’ambito geriatrico di alcuni principi cardine del Metodo Montessori e creazione, da parte degli anziani, di materiale ad ispirazione Montessoriana (libri, cubi, calendari, ecc.), che successivamente sarà utilizzato e venduto ai bambini del territorio o agli anziani con sindrome dementigena per imparare o stimolare varie attività della vita quotidiana (allacciarsi le scarpe, contare, stimolare la motricità, ecc.). Questa è un’attività molto utile al fine di creare maggiore integrazione tra gli utenti del centro e la territorialità.
  • Laboratorio di cucito creativo, patchwork, feltro, uncinetto e lavoro a maglia; laboratorio con le perle; laboratorio con il legno; laboratorio di cucina; laboratorio grafico-pittorico; laboratorio di ortoterapia.

Tutti i manufatti creati attraverso i laboratori sopra citati hanno una duplice funzione perché, da un lato, stimolano la sfera manuale e mnesica, dall’altro, possono essere venduti presso mercatini o feste del territorio, innalzando così l’asse timico, il senso di autoefficacia, la percezione del senso di sé e delle proprie abilità positive.

Area ricreativa-di socializzazione

  • Laboratorio di canto/karaoke: canto in occasione delle festività, da proporre anche in momenti di festa in cui è coinvolto anche il territorio.
  • Giochi in scatola: dama, scacchi, gioco dell’oca, tombola con piccoli premi, carte, puzzle, ecc.
  • Gite e uscite di gruppo: in giornata, nel territorio circostante (mercato, centro commerciale, santuari, ecc.).
  • Soggiorno estivo: da proporre al mare o in montagna nella prima settimana di settembre, coinvolgendo anche gli anziani del territorio.

Libri di riferimento per l’attuazione delle diverse attività

  • Busato Valentina, Cecchinato Chiara, Ruggeri Sebastiano Carmelo (2020). Pillole di saggezza. Casa Editrice Dapero: Piacenza.
  • Busato Valentina et al. (2019). Raccontando la nostra storia, Cleup:Padova.
  • Busato Valentina  et al. (2012). Mente corpo: la chiave del benessere. Supernova:Venezia.
  • Busato Valentina, Bordin Adalberto & Mantoan Vanessa (2011). Reminiscenza: come ricordare la memoria. Stimolare la memoria degli anziani con le storie di vita. Cleup:Padova.
  • Gaspari Fabrizio, Busato Valentina & Bordin Adalberto (2011). Longevity Training: un trattamento psico-motorio rivolto ad anziani istituzionalizzati e non. Cleup:Padova.
  • Busato Valentina, Bordin Adalberto & Rossella Basso (2011). M.Im.O.S.A.: trattamento del disorientamento spaziale degli anziani. Cleup:Padova.
  • Busato Valentina & Bordin Adalberto (2009). Giuda pratica per la stimolazione cognitiva, affettiva e relazionale delle persone anziane istituzionalizzate. Cleup:Padova.
  • Bragato Sara, Busato Valentina & Bordin Adalberto (2009). Il Gruppo di Auto Mutuo Aiuto in anziani istituzionalizzati. Strategie per la promozione del benessere psicologico. Cleup:Padova.

 

 

E ora che faccio Ed Dapero cover libro

 

Non sono più io, Editrice Dapero

 

 

About the Author: Valentina Busato

Coordinatrice Psicologa clinica e dell'invecchiamento. Pedagogista presso Centro Anziani Anni Sereni Città di San Donà Di Piave (VE), presso consorzio sociale cps.

Semi di CURA
NEWSLETTER

Vuoi ricevere una volta al mese spunti di riflessione per il tuo lavoro in RSA?

La newsletter Semi di CURA fa questo ogni ultimo venerdì del mese

HOMES
WITA

Il ruolo dell’educatore professionale con l’anziano è soggetto a molteplici definizioni erronee. Di seguito una riflessione per fare chiarezza.

A cura di Valentina Busato e Chiara Cecchinato (psicologhe e formatrici).

Molteplici sono state e sono tutt’ora le definizioni erronee riguardanti il ruolo dell’Educatore Professionale con l’anziano. Un aspetto è infatti ben chiaro: c’è un’enorme confusione circa il ruolo che questo professionista può ricoprire.

Sebbene sia sempre presente una grande necessità di chiarezza circa il suo ruolo e le sue mansioni, ad oggi, la maggior competenza attribuita a questo professionista è quella di “riattivatore”, inteso come colui che è impegnato a stimolare, riattivare il potenziale residuo delle persone con le quali opera.

Inoltre, se consideriamo più nel dettaglio il lavoro dell’educatore professionale in ambito geriatrico, possiamo comprendere e scoprire il suo ruolo più importante: promuovere un invecchiamento attivo e di successo. Dell’invecchiamento attivo e delle nuove abilità che l’anziano può ancora sviluppare, abbiamo già scritto qui su CURA (se ti interessa approfondire leggi l’articolo delle dottoresse Busato e Cecchinato: “Per un invecchiamento attivo e di successo”).

In questa sede, invece, approfondiamo gli interventi che l’educatore professionale ha a sua disposizione per promuoverlo.

Area cognitiva

  • Stimolazione mnesica, con schede cartacee, tratte dai nostri libri (“Guida Pratica per la stimolazione cognitiva, affettiva, relazionale delle persone anziane istituzionalizzate”, ed. Cleup,) e con mnemotecniche.
  • Stimolazione cognitiva Cybertherapy: cd con training cognitivi computerizzati.

Area affettiva-relazionale

  • Gruppo di auto mutuo aiuto: riflessione e scambio di opinioni riguardanti un dato problema (l’essere vecchi, le perdite psico-fisiche, …), cercando strategie per risolverlo assieme agli operatori (tratto dal nostro libro “Il Gruppo di Auto Mutuo Aiuto in anziani istituzionalizzati” ed. Cleup)
  • Progetto emozioni: attività di gruppo che mira ad innalzare il tono dell’umore, attraverso la quale si imparano a riconoscere, esprimere e gestire le proprie emozioni e a individuare quelle altrui.
  • Progetto reminiscenza: condivisione strutturata del racconto della propria storia di vita, soffermandosi anche sui sentimenti e le emozioni che emergono da questi preziosi ricordi. Con questa attività si lavora non solo sul tono dell’umore, ma anche sulla memoria autobiografica, recuperandone i ricordi e la loro valenza affettiva.Nello svolgimento dell’attività viene utilizzato anche materiale visivo (foto, brevi filmati,…), olfattivo (lavanda, sapone di Marsiglia, salvia,…) o uditivo (canzoni di un tempo) (tratto dal nostro libro “Reminiscenza: come ricordare la memoria. Stimolare la memoria degli anziani con le storie di vita.” Cleup).
  • Attività di rimotivazione: introduzione ed utilizzo di temi di attualità, articoli di giornale o riviste, brani di letteratura o poesie al fine di aumentare l’autostima e migliorare la socializzazione, spronando gli anziani a relazionarsi gli uni con gli altri, parlando e discutendo delle tematiche in oggetto.

Area motoria

  • Longevity training (strumento innovativo tratto dal nostro libro“Longevity Training: un trattamento psico-motorio rivolto ad anziani istituzionalizzati e non” ed. Cleup): gli anziani vengono stimolati a fare degli esercizi psico-motori di gruppo, su base sonora, avvalendosi dell’aromo-cromo-terapia, attraverso tecniche di rilassamento, riattivazione, visualizzazione guidata e training autogeno.
  • Ginnastica dolce/stretching: movimenti semplici e a bassa intensità realizzati in posizione eretta o da seduti (a seconda dell’utenza del centro).
  • Laboratorio di ballo: adattamento dell’attività di ballo alle capacità degli anziani del centro attraverso movimenti di coordinazione e controllo muscolare (in piedi o seduti) su base musicale.
  • Training motori di gruppo o individuali: adattamento e semplificazione di sport come pallavolo, badminton, basket, bocce, bowling, calcio e freccette, mediante l’utilizzo di materiale semplice e facilmente reperibile nella quotidianità. Delle attività che possono essere proposte anche a squadre, per stimolare la competizione, oltre che la sfera ludico-ricreativa.

Area personale

  • Cura del sé: intervento utile all’incremento del benessere e del tono dell’umore, in cui vengono spazzolati ed acconciati i capelli e curate le unghie delle mani (smalto e massaggio mani con crema).
  • Cura dell’ambiente circostante: coinvolgimento dell’anziano nelle diverse attività della struttura al fine di far nascere o mantenere la sensazione di essere ancora utile e abile nella vita quotidiana (spostamento, riordino o posizionamento del materiale con l’affiancamento dell’operatore).

Area manuale

  • Trattamento innovativo M.I.M.A. (Metodo ad Ispirazione Montessoriana per l’Anziano) tratto dal nostro libro “E ora che faccio? Attività da svolgere con l’anziano in RSA o a domicilio” ed. Dapero: applicazione all’ambito geriatrico di alcuni principi cardine del Metodo Montessori e creazione, da parte degli anziani, di materiale ad ispirazione Montessoriana (libri, cubi, calendari, ecc.), che successivamente sarà utilizzato e venduto ai bambini del territorio o agli anziani con sindrome dementigena per imparare o stimolare varie attività della vita quotidiana (allacciarsi le scarpe, contare, stimolare la motricità, ecc.). Questa è un’attività molto utile al fine di creare maggiore integrazione tra gli utenti del centro e la territorialità.
  • Laboratorio di cucito creativo, patchwork, feltro, uncinetto e lavoro a maglia; laboratorio con le perle; laboratorio con il legno; laboratorio di cucina; laboratorio grafico-pittorico; laboratorio di ortoterapia.

Tutti i manufatti creati attraverso i laboratori sopra citati hanno una duplice funzione perché, da un lato, stimolano la sfera manuale e mnesica, dall’altro, possono essere venduti presso mercatini o feste del territorio, innalzando così l’asse timico, il senso di autoefficacia, la percezione del senso di sé e delle proprie abilità positive.

Area ricreativa-di socializzazione

  • Laboratorio di canto/karaoke: canto in occasione delle festività, da proporre anche in momenti di festa in cui è coinvolto anche il territorio.
  • Giochi in scatola: dama, scacchi, gioco dell’oca, tombola con piccoli premi, carte, puzzle, ecc.
  • Gite e uscite di gruppo: in giornata, nel territorio circostante (mercato, centro commerciale, santuari, ecc.).
  • Soggiorno estivo: da proporre al mare o in montagna nella prima settimana di settembre, coinvolgendo anche gli anziani del territorio.

Libri di riferimento per l’attuazione delle diverse attività

  • Busato Valentina, Cecchinato Chiara, Ruggeri Sebastiano Carmelo (2020). Pillole di saggezza. Casa Editrice Dapero: Piacenza.
  • Busato Valentina et al. (2019). Raccontando la nostra storia, Cleup:Padova.
  • Busato Valentina  et al. (2012). Mente corpo: la chiave del benessere. Supernova:Venezia.
  • Busato Valentina, Bordin Adalberto & Mantoan Vanessa (2011). Reminiscenza: come ricordare la memoria. Stimolare la memoria degli anziani con le storie di vita. Cleup:Padova.
  • Gaspari Fabrizio, Busato Valentina & Bordin Adalberto (2011). Longevity Training: un trattamento psico-motorio rivolto ad anziani istituzionalizzati e non. Cleup:Padova.
  • Busato Valentina, Bordin Adalberto & Rossella Basso (2011). M.Im.O.S.A.: trattamento del disorientamento spaziale degli anziani. Cleup:Padova.
  • Busato Valentina & Bordin Adalberto (2009). Giuda pratica per la stimolazione cognitiva, affettiva e relazionale delle persone anziane istituzionalizzate. Cleup:Padova.
  • Bragato Sara, Busato Valentina & Bordin Adalberto (2009). Il Gruppo di Auto Mutuo Aiuto in anziani istituzionalizzati. Strategie per la promozione del benessere psicologico. Cleup:Padova.

 

 

E ora che faccio Ed Dapero cover libro

 

Non sono più io, Editrice Dapero

 

 

About the Author: Valentina Busato

Coordinatrice Psicologa clinica e dell'invecchiamento. Pedagogista presso Centro Anziani Anni Sereni Città di San Donà Di Piave (VE), presso consorzio sociale cps.

PERSONE

Semi di CURA
NEWSLETTER

Vuoi ricevere una volta al mese spunti di riflessione per il tuo lavoro in RSA?

La newsletter Semi di CURA fa questo ogni ultimo venerdì del mese