Indice degli argomenti

Un articolo di Paola Adele De Martino (Psicologa e consulente per orientamento professionale

Le difficoltà vissute dai caregiver hanno rivelato la debolezza del nostro sistema sociosanitario, la persistenza di modelli assistenziali biologici e psicosociali che faticano a dialogare, l’assenza di un coordinamento forte. È necessario ripensare a un nuovo modello assistenziale, fondato su sistemi aperti, circolari e interdipendenti, nei quali le varie professionalità dialoghino per realizzare obiettivi comuni. 

Come in tutti gli eventi catastrofici, anche la Pandemia da Covid-19 ha coinvolto in misura maggiore i soggetti più fragili, colpiti non solo dal virus ma anche da sistemi politici e sanitari impreparati a rispondere a un’emergenza senza precedenti. In questo scenario ogni scelta compiuta a livello macro-organizzativo ha influito sul micro-cosmo Alzheimer (malati caregiver, operatori) secondo dinamiche sistemiche.

La ripresa possibile

Nel mondo rarefatto e confuso prodotto dall’Alzheimer l’unica finalità degli interventi consiste nel miglioramento della qualità della vita, non solo della Persona, ma di tutto il “Sistema Alzheimer” (malato, familiari ed operatori).

Non dobbiamo mai sottovalutare la storia di vita della Persona con Alzheimer. Sarà essa a indicarci la strada per il potenziamento del benessere nel qui ed ora di quella Persona oltre a favorire la sua autodeterminazione per quanto possibile.

In questo momento caratterizzato da una graduale ripresa dei servizi, è bene non abbandonare le procedure di prevenzione, ricordando che l’Alzheimer non è di per sé una causa di infezione, ma può aumentare il rischio di contrarre il virus e di diffondere il contagio. La compromissione cognitiva, infatti, ostacola l’attivazione di comportamenti di vigilanza e di auto-protezione, deputati all’area delle funzioni esecutive. 

HOMES

Sarà bene recuperare anche le buone pratiche assistenziali utili al rallentamento della malattia stimolando la persona con Alzheimer attraverso esercizi strutturati o di tipo occupazionale, ricordando che ogni tipo di attività consente di attivare non solo i domini cognitivi ma anche affettivi e relazionali,  generando emozioni positive che rassicurano e potenziano il senso di autoefficacia di tutto il sistema; favorire le uscite e l’attività motoria “dolce”; sostenere il mantenimento della memoria procedurale (la più resistente alla degenerazione) per conservare più a lungo l’autonomia della persona. Utili a questo scopo alcune attività occupazionali e quelle legate alla storia personale quali suonare, cantare, disegnare, recitare poesie.

Ringraziamo l’autrice Paola Adele che ci ha fatto conoscere una piccola opera d’arte: dura pochissimo e crea un’emozione notevole.

Hermann. Cortometraggio animato

About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

Semi di CURA
NEWSLETTER

Vuoi ricevere una volta al mese spunti di riflessione per il tuo lavoro in RSA?

La newsletter Semi di CURA fa questo ogni ultimo venerdì del mese

HOMES

Un articolo di Paola Adele De Martino (Psicologa e consulente…

HOMES
Per continuare la lettura attiva la registrazione gratuita.
Così avrai libero accesso a tutti i contenuti di rivistacura.it!

Iscriviti
Sei già iscritto?
Accedi

About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

PERSONE

Semi di CURA
NEWSLETTER

Vuoi ricevere una volta al mese spunti di riflessione per il tuo lavoro in RSA?

La newsletter Semi di CURA fa questo ogni ultimo venerdì del mese

HOMES
HOMES