Per un Buon Trattamento nei servizi anziani dopo la crisi del Covid-19

Le parole, mattoni con i quali costruiamo interpretiamo la realtà e costruiamo relazioni. Diventano il vocabolario della persona, della direzione, dell’organizzazione. Ed il linguaggio crea possibilità di cura oppure impotenza e violenza 

Le parole, capaci di cambiare il nostro cervello e costruire la nostra visione organizzativa (che diventa l’Identità della Cura incarnata nelle azioni e nei processi), diventano una delle leve per il processo di costruzione della qualità reale e percepita.

E ora quali sono le tre parole con le quali creare la nostra “ri-partenza”?

Rinascita – La parola emergenza deve essere abbandonata. “Quando si è nel bel mezzo di una crisi, può essere difficile pensare oltre le risposte a breve termine. Ma in quanto leader, il tuo obiettivo primario deve essere a lungo termine. Il tuo compito è guidare il personale verso il miglio futuro possibile”

È tempo quindi di dare un segnale interno di visione futura alla quale tutti insieme possiamo partecipare. 

È tempo di momenti di riflessione collettivi che creino una nuova declinazione dell’Identità della Cura dell’organizzazione. 

È tempo di leggere l’assistenza senza veli e senza scuse (i residenti sono dimagriti? Hanno forse segnali corporei di trascuratezza?). 

È tempo di ringraziare gli operatori per ciò che hanno saputo fare. 

…e tanto altro ancora…

Le parole possono essere proiettili, ma possono essere anche squadre di soccorso (Jòn Kalman Stefànsson)

Identità della cura. Lo scopo di un’organizzazione sociosanitaria è senz’altro la cura delle persone, ma il significato che viene dato alla parola CURA è davvero soggettivo. L’identità della cura determina in modo significativo la cultura aziendale e mai come ora è stato importante che sia scritta e condivisa, pulsante e viva nelle menti di coloro che lavorano.

Cultura digitale. Abbiamo sperimentato le video chiamate, abbiamo vissuto i meeting on line, siamo stati vicini anche se fisicamente lontani. I limiti delle persone sono diventati i limiti dell’organizzazione, la naturalità delle conoscenze digitali è diventata invece occasione per comunicare, in ogni modo.È tempo che la mentalità organizzativa statica si apra alle infinite possibilità che oggi abbiamo a disposizione. Non è tempo di nascondersi dietro a credenze limitanti “agli anziani le videochiamate non piacciono”, “fare una riunione on line non è bello”, per invece cogliere la potenzialità di strumenti che dobbiamo implementare e continuare, talvolta a scegliere

Quindi:

  1. Rinascita
  2. Identità della Cura
  3. Cultura e innovazione Digitale 

… impastale insieme e crea il tuo progetto intriso di una reale cultura di Cura. Perché cos’è la Cura se non uno scrivere collettivo in perenne Divenire? 

L’articolo completo si trova nel N° 2 della rivista CURA stampata. Se interessa approfondire e clicca per acquistare il N° 2 di CURA

About the Author: Letizia Espanoli

Presidente Letizia Espanoli Group S.r.l. - Founder Sentemente Project - Membro del Comitato Operativo della rivista CURA

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.

HOMES
HOMES

Per un Buon Trattamento nei servizi anziani dopo la crisi…

Per continuare la lettura sostienici.
Con l’abbonamento annuale a RIVISTA CURA avrai libero accesso a tutti gli articoli: approfondimenti, metodologie e migliori pratiche di cura da mettere in atto nel proprio lavoro.
Mettiamo quotidianamente il nostro impegno per un mondo della cura più inclusivo, equo e rispettoso delle persone e dei professionisti che ne fanno parte.
Sei con noi?

Abbonati
Sei già iscritto?
Accedi

About the Author: Letizia Espanoli

Presidente Letizia Espanoli Group S.r.l. - Founder Sentemente Project - Membro del Comitato Operativo della rivista CURA

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

HOMES

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.

HOMES