L’organizzazione resiliente è quella che sa essere reattiva di fronte alle sfide. Ma cosa hanno imparato le nostre organizzazioni durante la pandemia? Il convegno online di CBA del 21 gennaio sarà un momento per riflettere sugli strumenti possibili su cui il nostro mondo sociosanitario può contare a partire dal valore che è stato in grado di produrre

Le caratteristiche di un’organizzazione resiliente

Una organizzazione resiliente sa “accettare uno stato critico come parte del processo di cambiamento”. Lo scriveva Letizia Espanoli nell’articolo “Come far crescere le organizzazioni sociosanitarie in momenti di crisi” pubblicato alcuni mesi fa su Rivista CURA. La prima cosa per un’organizzazione resiliente, diceva l’autrice, è avere la capacità di accettare la realtà senza la pretesa di cambiarla. E aggiungeva: a questa flessibilità è necessario accompagnare la capacità di agire immediatamente, a volte anche improvvisando. Con una buona dose di “pensiero laterale” le organizzazioni resilienti possono far fronte alle emergenze e alle sfide, ma hanno bisogno anche, una volta superato il momento di allarme acuto, di riflettere sul proprio agito e di imparare una nuova lezione organizzativa.

Ma quale lezione hanno imparato le nostre organizzazioni durante la pandemia? Questa la domanda da cui parte il convegno online organizzato da CBA il 21 gennaio:

Il valore della persona nell’organizzazione resiliente. Prospettive future e strumenti concreti” che si terrà il 21 gennaio, h 14.30 – 17.00 online (link di registrazione in fondo all’articolo).

Il risultato della ricerca di CBA da cui prende le mosse il convegno parla chiaro: è il valore delle persone e a rendere l’organizzazione resiliente

Dopo la fase acuta dell’emergenza, è necessario pensare a un cambiamento culturale e strutturale delle organizzazioni per renderle più forti in situazioni critiche e sconosciute. Essere resilienti, infatti, non significa ritornare allo stato in cui ci si trovava prima della crisi, ma significa trovare il modo di recuperare la propria capacità operativa, di imparare da quanto è accaduto e trasformarsi in altro.

CBA ha condotto fra agosto e ottobre 2020 una ricerca quali-quantitativa sulla capacità di resilienza delle organizzazioni sanitarie e sociosanitarie ai tempi del CoViD. A un campione di 180 professionisti sanitari è stato somministrato il questionario SEOR (Self-Evaluation of Resilience), mentre a 10 dirigenti aziendali è stata sottoposta una intervista semi-strutturata. Il valore del personale e dei coordinatori è risultato essere uno dei fattori determinanti che ha permesso alle organizzazioni di affrontare con successo la crisi.

Temi affrontati e risposte operative per l’organizzazione resiliente

In questo convegno online verranno messi a disposizione suggerimenti operativi emersi dallo studio che possono essere applicati dalle organizzazioni nel breve termine per la gestione della fase post-crisi e alcuni strumenti concreti per intervenire nel medio-lungo termine.

HOMES

Assieme agli esperti del settore si vedrà come strutturare le organizzazioni in modo da renderle capaci di adattarsi velocemente a nuove circostanze, di funzionare in situazioni inaspettate e di rispondere a sfide impreviste. Nel futuro diverse saranno le occasioni di sperimentare la resilienza e conviene arrivarci attrezzati.

Programma del convegno:


Esiti della ricerca durante la pandemia e prospettive in ambito sanitario e sociosanitario

  • Annalisa Pennini, Responsabile Formazione CBA, e Giampaolo Armellin, Responsabile Ricerca e Innovazione CBA

Voce ai protagonisti

  • Alessandro Sili, Direttore Professioni Sanitarie, Policlinico Tor Vergata, Roma
  • Emilio Tanzi, Direttore Generale, Fondazione Ospedale della Carità, Casalbuttano (CR)
  • Vincenza Scaccabarozzi, Direttore RSA Gesù Maestro, Cinisello Balsamo (MI)
  • Bruno Cavaliere, Direttore Professioni Sanitarie, Ospedale Policlinico San Martino, Genova

Il valore della persona per evolvere le organizzazioni

  • Carlo Sergio Romanelli, Consulente aziendale, esperto in comportamento organizzativo e fondatore di Net Working

Per maggiori informazioni, scrivi a marketing@cba.it oppure chiama il numero 0464 491600 int.5.

About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.

L’organizzazione resiliente è quella che sa essere reattiva di fronte alle sfide. Ma cosa hanno imparato le nostre organizzazioni durante la pandemia? Il convegno online di CBA del 21 gennaio sarà un momento per riflettere sugli strumenti possibili su cui il nostro mondo sociosanitario può contare e sulle prospettive future a cui va incontro

Per continuare la lettura sostienici.
Con l’abbonamento annuale a RIVISTA CURA avrai libero accesso a tutti gli articoli: approfondimenti, metodologie e migliori pratiche di cura da mettere in atto nel proprio lavoro.
Mettiamo quotidianamente il nostro impegno per un mondo della cura più inclusivo, equo e rispettoso delle persone e dei professionisti che ne fanno parte.
Sei con noi?

Abbonati
Sei già iscritto?
Accedi

About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.