Indice degli argomenti

L’aumento dei casi di burnout e stress lavoro-correlato ha coinvolto diverse categorie di lavoratori, primi fra tutti coloro che svolgono professioni di assistenza clinica e relazionale alle persone residenti in RSA.

di Claudia Cappellari, Psicologa Psicoterapeuta Psicogerontologa, esperta di invecchiamento e di prevenzione e trattamento di disturbi stress-correlati

Burnout e stress lavoro-correlato: come si manifestano?

Il burnout è il possibile esito patologico della cronicizzazione di uno stato di stress lavoro-correlato e si manifesta con un progressivo esaurimento psicofisico, crescente disimpegno nei confronti dell’attività lavorativa e comparsa di sintomi fisici, psichici e comportamentali (es. cefalee ricorrenti, stanchezza eccessiva, difficoltà di concentrazione, disturbi d’ansia e del tono dell’umore, disturbi del sonno, cinismo, lamentosità, tendenza all’abuso di sostanze psicotrope…).

Oltre a pregiudicare in modo rilevante la qualità di vita del lavoratore, questi sintomi impattano negativamente anche sulla realtà aziendale di appartenenza, comportando criticità e costi imprevisti connessi a:

  • riduzione della qualità delle performance lavorative;
  • calo del rendimento e della produttività;
  • incremento dei tassi di assenteismo, di infortunio e di turnover;
  • aumento dei problemi disciplinari e dei contenziosi legali.

Le categorie più esposte alla sindrome da burnout

Sebbene oggi venga descritto come una sindrome psicologica che può presentarsi nei più svariati contesti occupazionali, il burnout e lo stress lavoro-correlato continua a essere significativamente più diffuso tra coloro che svolgono professioni di aiuto a elevata implicazione relazionale, e particolarmente tra le persone che, nello svolgimento della loro attività lavorativa, si occupano direttamente e quotidianamente di altri esseri umani in grave difficoltà.

Il lavoro in prima linea e l’impegno sostenuto nei contesti di cura

Tra i lavoratori più esposti vi sono gli addetti all’assistenza e gli altri professionisti sanitari e socio-sanitari che operano in prima linea all’interno delle residenze per anziani non autosufficienti, dove è lecito supporre che, dall’inizio dell’emergenza sanitaria conseguente alla diffusione del Covid-19, il rischio e l’incidenza di burnout e stress lavoro-correlato siano sensibilmente aumentati.

Nelle strutture per anziani, a causa del Covid, le fonti di stress lavoro-correlato si sono infatti moltiplicate e, sebbene non vi sia sempre stato un adeguato riconoscimento mediatico dell’impegno profuso e degli sforzi sostenuti all’interno di questi contesti di cura dall’inizio della pandemia, il personale è stato sottoposto ed è tuttora soggetto a enormi pressioni.

Fronteggiare una pandemia in RSA

Durante il primo picco pandemico gli operatori delle RSA si sono ritrovati a fronteggiare una malattia sconosciuta – altamente contagiosa e potenzialmente letale – disponendo di poche informazioni certe, senza protocolli e linee guida di riferimento, con dispositivi di protezione individuale inadeguati o insufficienti e con il timore costante di poter contrarre l’infezione e di poterla trasmettere ai propri assistiti o ai propri cari.

Ulteriori difficoltà: i DPI, la relazione con i pazienti e le loro famiglie

Dall’irrompere del Covid gli operatori hanno inoltre dovuto:

  • modificare ripetutamente le proprie consuetudini lavorative, adattandole all’andamento variabile dei contagi e alle disposizioni in continuo aggiornamento emanate dalle autorità competenti;
  • sostenere turni di lavoro estenuanti e incalzanti per sopperire a carenze di organico strutturali, aggravate dalla positività al virus, dalle quarantene e dalle sospensioni per rifiuto dell’obbligo vaccinale di alcuni colleghi;
  • abituarsi a lavorare indossando per lunghi periodi di tempo scomodi e ingombranti dispositivi di protezione personale che, oltre ad accrescerne la fatica fisica, hanno anche reso estremamente più complessa l’interazione con l’utenza;
  • sottoporsi regolarmente ai frequenti accertamenti diagnostici invasivi previsti dal programma di screening introdotto per l’identificazione precoce di eventuali casi di positività;
  • gestire le proteste dei familiari che, in qualche caso, hanno reagito ai provvedimenti adottati per contrastare la trasmissione del virus (blocco degli accessi, limitazioni alla durata e alla frequenza delle visite, divieto di contatto fisico con i propri congiunti) con rimostranze sfociate in veri e propri episodi di aggressione verbale;
  • sostenere l’aggravio del carico di lavoro derivante dalla necessità di garantire maggiore supporto emotivo e relazionale ai residenti in isolamento, o comunque privati della presenza più assidua e rassicurante dei loro cari;
  • assumersi l’onere non semplice di far rispettare, anche agli ospiti cognitivamente più compromessi e con disturbi del comportamento, le norme sul distanziamento sociale e le altre misure di contenimento dei contagi previste.

Il contagio del personale e la riduzione delle occasioni di confronto

Si aggiunga che negli ultimi due anni e mezzo di pandemia:

  • molti operatori hanno contratto il Covid e, in seguito alla negativizzazione, sono stati costretti a rientrare rapidamente in servizio, nonostante la persistenza di sintomi correlati all’infezione (Long Covid) che, ostacolando il ritorno a una piena operatività ed efficienza, hanno reso ancora più gravoso il loro lavoro e quello dei colleghi;
  • l’aumentato carico di lavoro ha limitato le opportunità di confronto tra operatori, riducendo gli spazi per la condivisione e l’elaborazione dei sentimenti di impotenza, inadeguatezza, paura, rabbia e frustrazione suscitati dalle difficili condizioni lavorative e dai tragici avvenimenti in corso;
  • le restrizioni obbligatorie alla mobilità dei cittadini imposte dal governo per contrastare la diffusione del virus hanno impedito agli operatori di dedicarsi nel loro tempo libero ad attività piacevoli e rigeneranti, di socializzazione e di svago, amplificando l’impatto negativo del distress accumulato durante l’orario di servizio.

Appare quindi più che giustificata l’ipotesi che dall’inizio dell’emergenza epidemiologica i tassi di burnout all’interno delle RSA per anziani siano aumentati. Perché definire l’entità del problema e garantirne una adeguata presa in carico e risoluzione dovrebbero essere considerate delle priorità?

To be continued…

Per approfondire

AA.VV. (2021) “L’assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia. 7° rapporto 2020/221-Punto di non ritorno”, ed. Maggioli

Cox, T., Griffiths, A., Rial-Gonzales E. (2000) “Ricerca sullo stress correlato al lavoro”, Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro & ISPESL.

De Carlo N.A., Falco A. e Capozza D. (2013) “Stress, benessere organizzativo e performance”, ed. Franco Angeli, Milano.

Di Nuovo S. e Rispoli L. (2011), “L’analisi Funzionale dello stress: dalla clinica alla psicologia applicata”, ed. Franco Angeli, Milano.

Di Nuovo S. e Rispoli L. (2000), “Misurare lo stress: il test MSP e altri strumenti per una valutazione integrata”, ed. Franco Angeli, Milano.

Istituto Superiore di Sanità (2020) “Survey nazionale sul contagio Covid-19 nelle strutture residenziali e sociosanitarie”, da www.epicentro.iss.it

Maslach, C., Leiter, M.P. (2000), “Burnout e organizzazione. Modificare i fattori strutturali della demotivazione al lavoro”, Edizioni Erickson, Trento.

Noli M. (2021), “Il Covid-19 e le RSA: prime riflessioni e spunti per il futuro”, da www.luoghicura.it

Rispoli L. (2012), “Il Benessere dell’Azienda. Un nuovo modo di leggere il funzionamento vitale delle organizzazioni”, in Neo-Funzionalismo e scienze integrate, Rivista on-line SEF, Napoli, vol.1.

Rizzi L., Bocasso E. e Casetta L. (2012), “Intervenire sullo stress. Gruppi Benessere e valutazione”, ed. Domeneghini.

Vigorelli P.(2020) “Nuove consapevolezze sviluppate nelle RSA durante l’epidemia”, da www.welforum.it


Articoli correlati

Burnout

Sconfiggere l’ansia con un libro: Pillole di Saggezza

Ossy: una bambola divenuta simbolo di allegria e resilienza


About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

Semi di CURA
NEWSLETTER

Vuoi ricevere una volta al mese spunti di riflessione per il tuo lavoro in RSA?

La newsletter Semi di CURA fa questo ogni ultimo venerdì del mese

HOMES
HOMES

L’aumento dei casi di burnout e stress lavoro-correlato ha coinvolto diverse categorie di lavoratori, primi fra tutti coloro che svolgono professioni di assistenza clinica e relazionale alle persone residenti in RSA.

di Claudia Cappellari, Psicologa Psicoterapeuta Psicogerontologa, esperta di invecchiamento e di prevenzione e trattamento di disturbi stress-correlati

Burnout e stress lavoro-correlato: come si manifestano?

Il burnout è il possibile esito patologico della cronicizzazione di uno stato di stress lavoro-correlato e si manifesta con un progressivo esaurimento psicofisico, crescente disimpegno nei confronti dell’attività lavorativa e comparsa di sintomi fisici, psichici e comportamentali (es. cefalee ricorrenti, stanchezza eccessiva, difficoltà di concentrazione, disturbi d’ansia e del tono dell’umore, disturbi del sonno, cinismo, lamentosità, tendenza all’abuso di sostanze psicotrope…).

Oltre a pregiudicare in modo rilevante la qualità di vita del lavoratore, questi sintomi impattano negativamente anche sulla realtà aziendale di appartenenza, comportando criticità e costi imprevisti connessi a:

  • riduzione della qualità delle performance lavorative;
  • calo del rendimento e della produttività;
  • incremento dei tassi di assenteismo, di infortunio e di turnover;
  • aumento dei problemi disciplinari e dei contenziosi legali.

Le categorie più esposte alla sindrome da burnout

Sebbene oggi venga descritto come una sindrome psicologica che può presentarsi nei più svariati contesti occupazionali, il burnout e lo stress lavoro-correlato continua a essere significativamente più diffuso tra coloro che svolgono professioni di aiuto a elevata implicazione relazionale, e particolarmente tra le persone che, nello svolgimento della loro attività lavorativa, si occupano direttamente e quotidianamente di altri esseri umani in grave difficoltà.

Il lavoro in prima linea e l’impegno sostenuto nei contesti di cura

Tra i lavoratori più esposti vi sono gli addetti all’assistenza e gli altri professionisti sanitari e socio-sanitari che operano in prima linea all’interno delle residenze per anziani non autosufficienti, dove è lecito supporre che, dall’inizio dell’emergenza sanitaria conseguente alla diffusione del Covid-19, il rischio e l’incidenza di burnout e stress lavoro-correlato siano sensibilmente aumentati.

Nelle strutture per anziani, a causa del Covid, le fonti di stress lavoro-correlato si sono infatti moltiplicate e, sebbene non vi sia sempre stato un adeguato riconoscimento mediatico dell’impegno profuso e degli sforzi sostenuti all’interno di questi contesti di cura dall’inizio della pandemia, il personale è stato sottoposto ed è tuttora soggetto a enormi pressioni.

Fronteggiare una pandemia in RSA

Durante il primo picco pandemico gli operatori delle RSA si sono ritrovati a fronteggiare una malattia sconosciuta – altamente contagiosa e potenzialmente letale – disponendo di poche informazioni certe, senza protocolli e linee guida di riferimento, con dispositivi di protezione individuale inadeguati o insufficienti e con il timore costante di poter contrarre l’infezione e di poterla trasmettere ai propri assistiti o ai propri cari.

Ulteriori difficoltà: i DPI, la relazione con i pazienti e le loro famiglie

Dall’irrompere del Covid gli operatori hanno inoltre dovuto:

  • modificare ripetutamente le proprie consuetudini lavorative, adattandole all’andamento variabile dei contagi e alle disposizioni in continuo aggiornamento emanate dalle autorità competenti;
  • sostenere turni di lavoro estenuanti e incalzanti per sopperire a carenze di organico strutturali, aggravate dalla positività al virus, dalle quarantene e dalle sospensioni per rifiuto dell’obbligo vaccinale di alcuni colleghi;
  • abituarsi a lavorare indossando per lunghi periodi di tempo scomodi e ingombranti dispositivi di protezione personale che, oltre ad accrescerne la fatica fisica, hanno anche reso estremamente più complessa l’interazione con l’utenza;
  • sottoporsi regolarmente ai frequenti accertamenti diagnostici invasivi previsti dal programma di screening introdotto per l’identificazione precoce di eventuali casi di positività;
  • gestire le proteste dei familiari che, in qualche caso, hanno reagito ai provvedimenti adottati per contrastare la trasmissione del virus (blocco degli accessi, limitazioni alla durata e alla frequenza delle visite, divieto di contatto fisico con i propri congiunti) con rimostranze sfociate in veri e propri episodi di aggressione verbale;
  • sostenere l’aggravio del carico di lavoro derivante dalla necessità di garantire maggiore supporto emotivo e relazionale ai residenti in isolamento, o comunque privati della presenza più assidua e rassicurante dei loro cari;
  • assumersi l’onere non semplice di far rispettare, anche agli ospiti cognitivamente più compromessi e con disturbi del comportamento, le norme sul distanziamento sociale e le altre misure di contenimento dei contagi previste.

Il contagio del personale e la riduzione delle occasioni di confronto

Si aggiunga che negli ultimi due anni e mezzo di pandemia:

  • molti operatori hanno contratto il Covid e, in seguito alla negativizzazione, sono stati costretti a rientrare rapidamente in servizio, nonostante la persistenza di sintomi correlati all’infezione (Long Covid) che, ostacolando il ritorno a una piena operatività ed efficienza, hanno reso ancora più gravoso il loro lavoro e quello dei colleghi;
  • l’aumentato carico di lavoro ha limitato le opportunità di confronto tra operatori, riducendo gli spazi per la condivisione e l’elaborazione dei sentimenti di impotenza, inadeguatezza, paura, rabbia e frustrazione suscitati dalle difficili condizioni lavorative e dai tragici avvenimenti in corso;
  • le restrizioni obbligatorie alla mobilità dei cittadini imposte dal governo per contrastare la diffusione del virus hanno impedito agli operatori di dedicarsi nel loro tempo libero ad attività piacevoli e rigeneranti, di socializzazione e di svago, amplificando l’impatto negativo del distress accumulato durante l’orario di servizio.

Appare quindi più che giustificata l’ipotesi che dall’inizio dell’emergenza epidemiologica i tassi di burnout all’interno delle RSA per anziani siano aumentati. Perché definire l’entità del problema e garantirne una adeguata presa in carico e risoluzione dovrebbero essere considerate delle priorità?

To be continued…

Per approfondire

AA.VV. (2021) “L’assistenza agli anziani non autosufficienti in Italia. 7° rapporto 2020/221-Punto di non ritorno”, ed. Maggioli

Cox, T., Griffiths, A., Rial-Gonzales E. (2000) “Ricerca sullo stress correlato al lavoro”, Agenzia Europea per la Sicurezza e la Salute sul Lavoro & ISPESL.

De Carlo N.A., Falco A. e Capozza D. (2013) “Stress, benessere organizzativo e performance”, ed. Franco Angeli, Milano.

Di Nuovo S. e Rispoli L. (2011), “L’analisi Funzionale dello stress: dalla clinica alla psicologia applicata”, ed. Franco Angeli, Milano.

Di Nuovo S. e Rispoli L. (2000), “Misurare lo stress: il test MSP e altri strumenti per una valutazione integrata”, ed. Franco Angeli, Milano.

Istituto Superiore di Sanità (2020) “Survey nazionale sul contagio Covid-19 nelle strutture residenziali e sociosanitarie”, da www.epicentro.iss.it

Maslach, C., Leiter, M.P. (2000), “Burnout e organizzazione. Modificare i fattori strutturali della demotivazione al lavoro”, Edizioni Erickson, Trento.

Noli M. (2021), “Il Covid-19 e le RSA: prime riflessioni e spunti per il futuro”, da www.luoghicura.it

Rispoli L. (2012), “Il Benessere dell’Azienda. Un nuovo modo di leggere il funzionamento vitale delle organizzazioni”, in Neo-Funzionalismo e scienze integrate, Rivista on-line SEF, Napoli, vol.1.

Rizzi L., Bocasso E. e Casetta L. (2012), “Intervenire sullo stress. Gruppi Benessere e valutazione”, ed. Domeneghini.

Vigorelli P.(2020) “Nuove consapevolezze sviluppate nelle RSA durante l’epidemia”, da www.welforum.it


Articoli correlati

Burnout

Sconfiggere l’ansia con un libro: Pillole di Saggezza

Ossy: una bambola divenuta simbolo di allegria e resilienza

HOMES


About the Author: Editrice Dapero

Casa Editrice Indipendente per una cultura condivisa nel settore dell’assistenza agli anziani.

PERSONE

Semi di CURA
NEWSLETTER

Vuoi ricevere una volta al mese spunti di riflessione per il tuo lavoro in RSA?

La newsletter Semi di CURA fa questo ogni ultimo venerdì del mese

HOMES