La cura degli anziani è una questione attuale che impone di rivedere i modelli organizzativi in una prospettiva attuale e futura, e che riguarda assetti economici e istituzionali. È una tematica che ci mette di fronte alla necessità di intervenire in maniera urgente su diversi fronti.


Gli anziani sono un tema attuale: una questione che occupa e preoccupa nel tempo presente e che si protende nel futuro, che investe assetti economici e istituzionali. Necessita di interventi legislativi e finanziari, richiede organizzazioni di servizi, esige nuove professionalità. È importante che evoluzioni epocali, come quelle collegate all’allungamento della vita media e al generalizzato invecchiamento della popolazione presente in tutta la società, siano considerate nel macrocontesto storico e geografico.

Modelli attuali ed esigenze reali

Rispetto ai servizi residenziali per anziani si tende a ricorrere a modelli solitamente praticati e più diffusi: il binomio amministrativo-sanitario. Diventa interessante esplorare in modo più attento come è vissuta la vecchiaia dai singoli e come è vista nei micro-contesti relazionali della quotidianità.

La costruzione di servizi residenziali in cui siano riconosciute le soggettività e tutelati spazi di intersoggettività non può essere avviata attraverso indicazioni prescrittive\autorizzative di quello che si deve realizzare. Richiede che in una organizzazione si creino delle condizioni favorevoli: che da parte dei vertici si condividano orientamenti innovativi e che nell’insieme siano presenti identificazioni con finalità sociali e con attribuzioni di valore alle tutele dei diritti.

https://www.rivistacura.it/intervista-a-chiara-celentano-desideri-in-rsa/

Il desiderio va di pari passo con il diritto

Si tratta di intraprendere strade che vanno scoperte nella realtà della vita quotidiana. Il desiderio va di pari passo con diritto. Infatti, anche nella Carta Europea dei diritti e delle responsabilità delle persone anziane bisognose di cure ed assistenza a lungo termine la parola desideri compare numerose volte. Diventa quindi urgente l’esigenza di creare nuovi modelli organizzativi che sempre più siano patient-centred. Conseguentemente, si rende necessario “archiviare” i sistemi che prevedono lunghe e noiose check-list (peraltro necessarie a dare un requisito minimo di base) verso sistemi che rendano anche il personale di assistenza protagonista nella cura dei nostri anziani.

Questioni da superare verso nuovi modelli organizzativi

Come fare? Molto difficile rispondere. Due grandi questioni da superare. Da un lato quella economica che vede sempre meno fondi assegnati ai servizi di assistenza per la cronicità; dall’altro la crescente carenza del personale di assistenza. Superati questi due ostacoli, probabilmente, con molta informazione e formazione del personale coinvolto nella cura e con un “progetto di vita” veramente personalizzato del residente si potrà un giorno – forse lontano – soddisfare qualche semplice desiderio di grande valore come per esempio alzarsi la mattina all’orario preferito, oppure consumare la cena a un orario gradito.

Articoli correlati

I desideri possibili in RSA

Accogliere i desideri: tra utopie e scelte coraggiose

I giusti attrezzi nella cassetta del direttore di una RSA

About the Author: Luca Croci

Giornalista - New Project and Compliance Manager Italy presso Colisee - Referente "Uffici di Pubblica Tutela" Regione Lombardia

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.

HOMES

La cura degli anziani è una questione attuale che impone di rivedere i modelli organizzativi in una prospettiva attuale e futura, e che riguarda assetti economici e istituzionali.

Per continuare la lettura sostienici.
Con l’abbonamento annuale a RIVISTA CURA avrai libero accesso a tutti gli articoli: approfondimenti, metodologie e migliori pratiche di cura da mettere in atto nel proprio lavoro.
Mettiamo quotidianamente il nostro impegno per un mondo della cura più inclusivo, equo e rispettoso delle persone e dei professionisti che ne fanno parte.
Sei con noi?

Abbonati
Sei già iscritto?
Accedi

About the Author: Luca Croci

Giornalista - New Project and Compliance Manager Italy presso Colisee - Referente "Uffici di Pubblica Tutela" Regione Lombardia

Semi di CURA
NEWSLETTER

Esiste un significato profondo nel lavoro di CURA e una ricchezza nascosta in RSA?

La newsletter
«Semi di CURA»
indaga questo e lo racconta ogni ultimo venerdì del mese.